Case in legno in stile…italiano!

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La bioedilizia è un settore in forte crescita in Italia, e sempre più famiglie scelgono di vivere in una casa in legno.

A causa di un pregiudizio secondo cui non è solida e resistente come quella in edilizia tradizionale, in Italia la casa in legno non ha ancora l’importanza che merita. Se diciamo “casa in legno”, molti pensano ancora a strutture semplici e modeste.

Niente di più sbagliato: la casa in legno moderna si caratterizza per un altissimo confort tecnologico, che coniuga innovazione e sostenibilità grazie alla domotica, ai pannelli solari e agli impianti fotovoltaici

I vantaggi di una casa in legno sono moltissimi. In primis l’altissima efficienza energetica, che garantisce un notevole risparmio economico. Ecologicamente sostenibili e dall’eccellente confort abitativo, la loro costruzione ha tempi e costi certi.

Abitazioni che sono resistenti agli incendi e che grazie al loro “scheletro” flessibile, fatto di travi connesse con giunti, sono strutture antisismiche. Garantiscono inoltre isolamento termico e acustico e un’ottima qualità dell’aria interna grazie all’assenza di umidità.

Quando parliamo di casa in legno, però, molti non hanno le idee chiare. La casa in legno non viene ancora percepita come tipicamente italiana, e molti la associano ad architetture e design esteri.

Si tratta di stili affascinanti e di grande effetto scenico che hanno conquistato molti committenti anche qui da noi.

 

 CASE IN LEGNO PREZZI

SCOPRILI CON IL NOSTRO CONFIGURATORE ONLINE!

 

art41 case in legno stile italiano

 

 

Quali sono gli stili più diffusi di case in legno e in quali paesi possiamo incontrarli?

Stile U.S.A.    

Negli Stati Uniti le case in legno sono estremamente diffuse. Le differenze con la situazione italiana sono fondamentalmente due.

La prima, le dimensioni. Le case in legno americane sono molto più ampie di quelle italiane e spesso comprendono un’area verde che circonda la casa.

La seconda differenza riguarda l’attenzione ambientale. In Italia, pareti e tetti sono coibentati con un cappotto in fibra o lana di legno o sughero. Negli Stati Uniti non sempre questo avviene e non tutte le case in legno garantiscono un effettivo isolamento termico.

Si crea un livello spesso importante di umidità e la necessità di installare dei climatizzatori. Questo, unito al basso costo dell’approvvigionamento energetico, fa sì che le case in legno americane non abbiano, sempre, una vocazione particolarmente ambientalista.

Il metodo costruttivo più impiegato è il sistema Plat-form e le pareti arrivano in cantiere già preassemblate. La maggioranza delle case in legno americane sono ville e villette, molto raramente condomini multipiano.

Il territorio è così vasto e le condizioni dei singoli Stati così diversificate che esistono in realtà vari stili americani di case in legno.

Lo stile coloniale è probabilmente il più diffuso. Si caratterizza per un ampio portico colonnato, planimetrie rettilinee e ambienti interni molto spaziosi. Sono sempre su due piani, con la zona notte al piano di sopra.

Le case in stile Tudor riprendono l’architettura medievale inglese. Si trovano nei quartieri più antichi e nei suburbs più ricchi. Il tetto spiovente e le facciate decorate con legno, pietre o stucco sono i segni di riconoscimento di queste dimore di pregio.

Anche lo stile vittoriano deriva dall’architettura inglese. Anche qui tetto spiovente e finestre ampie, ma lo stile è più articolato e troviamo sempre una veranda e una torretta. Sono case di alto livello, molto spaziose e situate nelle zone più ricche del paese.

Passiamo allo stile rustico, diffuso nelle zone rurali e montane. Siamo immersi nella natura e le ampie vetrate panoramiche creano continuità tra l’interno e l’esterno. Sono case in legno generalmente molto costose, con rifiniture di lusso e un altissimo confort tecnologico.

Lo stile ranch è tipico degli stati del Sud. Queste case in legno hanno un solo piano e grandi open space interni.

Discorso a parte per le coste dell’Oceano Atlantico. Qui troviamo alcune tra le ville in legno più costose e affascinanti di tutti gli States, con grandi terrazze, ampie vetrate, portico e piscina.

 

Stile nordico

Le case in legno trovano nei paesi nordici uno dei loro luoghi d’elezione. La grande disponibilità di risorse boschive ha fatto sì che il legno fosse il materiale di costruzione privilegiato.

Il fatto che la maggioranza delle case dei paesi nordici sia in legno è la dimostrazione concreta di come questo materiale naturale riesca perfettamente a isolare termicamente gli interni.

La caratteristica principale di queste case in legno è il tetto a spiovente, che può arrivare a toccare terra. Serve a non far accumulare la neve, che con il suo peso rischierebbe di causare danni strutturali.

L’elemento primario dell’architettura nordica è la luce, quando c’è, deve essere catturata tutta. In queste case troviamo sempre grandi finestre e vetrate panoramiche.

Lo stile scandinavo è l’ultima tendenza architettonica. Si privilegiano materiali naturali, tinte neutre e il legno viene lasciato a vista. Il design è essenziale e funzionale, lo stile minimale, pulito.

 

Stile tedesco

Parliamo delle cosiddette case a graticcio, diffuse soprattutto in Germania e Alsazia a partire dal XIII secolo. La loro struttura portante è costituita da travi in legno verticali, orizzontali e oblique collegate tramite un preciso sistema di incastri. Gli spazi vuoti tra le travi venivano riempiti con un graticcio di rami sottili uniti ad argilla o un mix di ciottoli e laterizi.

Le travi in legno rimangono a vista sulla facciata e diventano elemento stilistico perché configurano motivi geometrici decorativi. Un’incredibile varietà di forme, figure e decorazioni contraddistingue le facciate di queste case, in cui i motivi estetici e funzionali si uniscono.

 

Come possiamo descrivere lo stile italiano?

Diciamo che (ancora) non esiste una tradizione architettonica ben definita per le case in legno nel nostro paese. Questa mancanza però non deve essere intesa come una debolezza, ma come una grande opportunità di personalizzazione.

Uno dei punti di forza delle costruzioni in legno è proprio la totale libertà progettuale. È il committente progettare la propria abitazione. Non ci sono vincoli strutturali.

Solo la bioedilizia offre queste possibilità e la caratteristica delle nostre case in legno è proprio quella di non avere caratteristiche fisse o standard. Non esistono due case in legno uguali. Se fosse proprio questo lo stile italiano?

configuratore casa in legno

download brochure case in legno

Come sarà casa vostra

  1. realizzabile su misura e su progetto personale
  2. flessibilità nella scelta dei materiali e nella progettazione
  3. costi di realizzazione contenuti
  4. prezzo preventivato fisso
  5. eccellente rapporto qualità/prezzo
  6. elevata solidità e massima durabilità nel tempo
  7. un unico interlocutore per il vostro progetto
  8. realizzata entro pochi mesi dall’ordine
  9. consistente risparmio energetico
  10. altissimo isolamento termico ed acustico
  11. ambiente sano, salubre e naturale
  12. niente umidità nell’ambiente domestico
  13. struttura antisismica e resistente al fuoco

Questo sito utilizza cookie tecnici per garantirne il corretto funzionamento e migliorare l'esperienza utente. Sono anche utilizzati cookie di profilazione e di terze parti. Continuando la navigazione si accetta l’utilizzo dei cookie